top of page

Dreamcatcher

Public·73 members
Parker Diaz
Parker Diaz

Le Ali Della Vita Torrent


Nel 1967 arriva il suo primo vero successo con A chi, versione italiana della canzone statunitense Hurt che venne pubblicata per la prima volta da Roy Hamilton nel novembre del 1954, che la fece diventare una hit da 8º posto della Billboard R&B e, successivamente, venne rilanciata nel 1960 sempre negli USA dalla cantante Timi Yuro.




Le ali della vita torrent



Il testo in italiano per Leali viene scritto da Piero Braggi, il chitarrista dei Novelty (il suo gruppo d'accompagnamento), ma poiché era già stato depositato un altro testo firmato da Mogol, questi lo firmò e Braggi dovette rinunciare ai diritti d'autore derivati[4][5][6]; anni dopo verrà reincisa anche da Francesco De Gregori. Il brano si aggiudica la prima posizione della classifica italiana, posizione che manterrà per quattro settimane[7], ed entra nella Top Ten (9º posto) in Austria, conquistando così 4 dischi d'oro per aver venduto oltre 4.000.000 di copie nel mondo. Con questa canzone, Leali si classifica primo alla Mostra internazionale di musica leggera di Venezia del 1967.


Reduce dal grande successo di A chi partecipa al Festival di Sanremo 1968 interpretando Deborah, pezzo composto da Vito Pallavicini, Paolo e Giorgio Conte, Pino Massara, uscendone 4º classificato. Il 45 giri, distribuito in seguito alla manifestazione, venderà 600 000 copie. La canzone viene anche replicata da un artista di fama internazionale, Wilson Pickett. Questo duetto segnerà l'inizio di una profonda amicizia tra Leali e Pickett, che farà anche da padrino alla sua primogenita Deborah, chiamata proprio come la protagonista della canzone omonima.


Nel 1971 partecipa al Festivalbar con il brano America. Il singolo comprende anche una canzone scritta dallo stesso Fausto intitolata Si chiama Maria, con la quale gareggia a Un disco per l'estate 1971, e che in seguito Giorgio Moroder inciderà con il titolo I'm free now. Il 7 settembre 1971 partecipa al "Palermo pop festival", dividendo il palco con artisti di rilievo della scena rock mondiale come Bill Wyman's Tucky Buzzard e Black Sabbath.


Dalla collaborazione con Mogol (incominciata con l'adattamento in italiano di A chi nel 1967), autore dei testi, nasce nel 1975 il progetto dell'album Amore dolce, amore amaro, amore mio, uscito per l'etichetta CBS. In questo anno ha fatto parte della Nazionale italiana cantanti, capitanata da Mogol.


Nel 1977 arrangia e interpreta, in maniera personale, un classico della canzone napoletana, Vierno, che propone al Festivalbar e inserisce nel 33 giri Leapoli, uscito per l'etichetta CGD.


Nel 1980 gli viene proposta nuovamente una canzone napoletana, Malafemmena, scritta da Totò. Fausto accetta e ne incide una versione che sarà la sigla di una serie televisiva dedicata proprio alla memoria del principe della risata.


Nel 1986 Fausto torna in auge grazie all'invito di Mina di duettare con lei nel brano Via di qua, che si aggiudicherà l'ottavo posto in hit parade[11] e diverrà la sigla televisiva del programma Trent'anni della nostra storia, in onda il sabato sera su Rai 1.


Nel 1987 Fausto ritorna al Festival di Sanremo cantando il brano Io amo, scritto e prodotto da Toto Cutugno, con la collaborazione di Franco Fasano e dello stesso Leali. Il brano si classifica al 4º posto nella serata finale e vende oltre 400.000 copie conquistando 2 dischi di platino e il secondo gradino del podio nella classifica dei singoli italiani[12]. Di spicco anche il brano inciso sul lato B del singolo, Notte d'amore, eseguito in duetto con Loredana Bertè e scritto a quattro mani con Toto Cutugno. I due pezzi sono gli unici inediti della raccolta di successo[13] Io amo e gli altri successi, uscita per la CBS, che include alcuni dei maggiori successi del cantante bresciano (in versione originale) come A chi, Deborah, Angeli negri, Un'ora fa e Io camminerò. Nello stesso anno intona con Cutugno il brano Napoli, contenuto nel long-playing di quest'ultimo, Mediterraneo.


Risale sul palco della città dei fiori tre anni più tardi con Perché, composta da Aleandro Baldi e Giancarlo Bigazzi, mentre nel 1994 presenta al Festival italiano, organizzato da Mediaset, Niente di te, risultando terzo, e riporta la sua versione di Malafemmena a Viva Napoli, uscendone vittorioso.


Nel 2012 è uno dei concorrenti della prima edizione del talent show di Rai 1 Tale e quale show, e rientra nel programma l'autunno seguente nelle puntate de Il torneo, nelle quali i concorrenti della prima edizione sfidano quelli della seconda.


Il 22 settembre 2015 è ospite del concerto-evento di Francesco De Gregori "Rimmel 2015", tenutosi all'Arena di Verona[20]; mentre il 13 marzo del 2016 è fra i cantanti invitati da Marcella Bella a un omaggio a Giulio Rapetti, Una serata... Bella per te, Mogol, trasmesso su Rete 4[21].


Il 29 aprile 2016 è in vendita su iTunes Le nostre mani, brano benefico interpretato con Al Bano, Toto Cutugno e con il "Minicoro Monterosso" di Bergamo. L'intero ricavato della vendita della canzone, scritta da Toto Cutugno, Christian Moretti e Gianni Pescini, viene devoluto a favore del programma "End Polio Now", istituito dall'organizzazione "Rotary International", in modo tale da consentire l'acquisto di vaccini per i bambini di tutto il mondo[22].


Il 30 settembre 2016 esce il singolo A chi mi dice, cover del brano dei Blue, interpretato assieme a Mina[23]. Il singolo anticipa l'uscita di un nuovo album dal titolo Non solo Leali, pubblicato il 21 ottobre dalla Nar International per la Universal. È un disco che vede Leali duettare con vari interpreti della musica italiana e non: i dieci pezzi contenuti vengono eseguiti in coppia con Renzo Arbore, Claudio Baglioni, Alex Britti, Clementino, Francesco De Gregori, Tony Hadley, Massimo Ranieri, Enrico Ruggeri e Umberto Tozzi[24][25]. L'album viene presentato il 16 ottobre su Rai 1 nella trasmissione di Pippo Baudo Domenica in[26]. L'11 novembre esce il secondo singolo Sempre e per sempre, cantato con Francesco De Gregori e il 7 aprile 2017 il terzo singolo Gianna (cover di Rino Gaetano), cantato con Enrico Ruggeri, entrambi accompagnati da un videoclip ufficiale pubblicato su You Tube da Vevo.


Dall'8 giugno 2018 è giurato e coach della prima edizione di Ora o mai più su Rai 1, condotto da Amadeus. Nel 2020 partecipa al format Il cantante mascherato nei panni della maschera "Mostro".[27]


Gastrointestinal symptoms were reported very commonly in clinical studies and post-marketing use of metformin. Gastrointestinal symptoms such as nausea, vomiting, diarrhoea, abdominal pain and loss of appetite occur most frequently during initiation of therapy and resolve spontaneously in most cases. Additional adverse reactions associated with metformin include metallic taste (common); lactic acidosis, liver function disorders, hepatitis, urticaria, erythema, and pruritus (very rare). Long-term treatment with metformin has been associated with a decrease in vitamin B12 absorption which may very rarely result in clinically significant vitamin B12 deficiency (e.g., megaloblastic anaemia). Frequency categories are based on information available from metformin Summary of Product Characteristics available in the EU.


Quella carceraria è un tipo di location che può ospitare film di diverso tipo, da quelli più drammatici a quelli d'avventura, in certi casi perfino di fantascienza. Essendo quindi un genere con il quale si può spaziare tantissimo con il tempo se ne sono sviluppati diversi filoni: alcuni film sul carcere vengono incentrati sul tema della pena di morte, altri film parlano di rocambolesche evasioni e ce ne sono anche molti che si incentrano esclusivamente su personaggi femminili (i cosiddetti women in prison film). Anche l'ambientazione può variare tantissimo, oltre al classico carcere le vicende possono essere spostate in campi di prigionia in paesi lontani, a volte addirittura su altri pianeti; la prospettiva stessa può cambiare di volta in volta, in certi casi seguiamo infatti la storia dal punto di vista dei carcerati in altri da quello delle guardie.


Un film inoltre può essere definito come carcerario anche se non è principalmente ambientato all'interno di una prigione e rientra nei canoni di questo genere anche se il protagonista ha già scontato la sua pena da tempo, ma il suo periodo di detenzione ha un certo impatto sulla sua vita. Visto il gran numero di film di questo tipo, soprattutto per chi si approccia per la prima volta a questo genere, è quindi necessario un aiuto da parte nostra per capire da quali cominciare: ecco a voi i 25 migliori film sul carcere che nessun amante del cinema dovrebbe lasciarsi scappare, secondo noi tra i più belli di questo genere.


Le ali della libertà è un film del 1994 diretto da Frank Darabont, tratto da un racconto di Stephen King dal titolo Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank. Shawshank è il nome del penitenziario in cui Andy Dufresne (Tim Robbins), un mite vice-direttore di banca, viene incarcerato dopo essere stato ingiustamente condannato a due ergastoli per l'omicidio della moglie e del suo amante. In carcere Andy dovrà sopportare la violenza gratuita di secondini e detenuti ma grazie alla sua brillante intelligenza riuscirà a sopravvivere ad ogni ingiustizia e, anche con l'aiuto Red (un altro ergastolano interpretato da Morgan Freeman), riuscirà a pianificare un'incredibile evasione. Uno dei migliori film tratti da un romanzo di Stephen King.


Nel 1999 Frank Darabont torna a dirigere un film tratto da un opera di King, Il miglio verde, che riscuote come il precedente un grande successo di pubblico e di critica. Paul Edgecombe (Tom Hanks), ospite di una casa di riposo, racconta ad una amica di quando in gioventù lavorava come secondino nel braccio della morte del carcere di Cold Mountain, chiamato appunto il miglio verde per il colore del pavimento percorso dai condannati. L'anziano ricorda l'arrivo del gigante di colore, apparentemente ritardato, John Coffey (Michael Clarke Duncan), accusato di aver stuprato e ucciso due bambine: con il passare del tempo Paul e i suoi colleghi si accorgeranno che l'uomo non è quello che sembra, scoprendo un incredibile segreto che cambierà le loro vite. 350c69d7ab


About

Welcome to the group! You can connect with other members, ge...

Members

  • Jeremy Tang
  • Adelina Chauchescu
    Adelina Chauchescu
  • Ra He
    Ra He
  • Love
    Love
  • DEIRY AlSINA
    DEIRY AlSINA
bottom of page